lunedì 22 luglio 2013

I moniti del Monitore

- Mi apre per favore? Metto in buca.
- Per la pubblicità c'è la cassetta lì fuori.
- Ma non è pubblicità, è dalla chiesa.
- Ah, sì... C'è la cassetta lì fuori.

Questo, più o meno, il testo della conversazione che ho tenuto al citofono l'altra mattina. Dopodiché, immagino che la signora chiesaiuola abbia citofonato a qualcun altro, visto che poi, nella mia cassetta delle lettere, ho rinvenuto una copia del...

Come da tradizione, mi cimento quindi nel breve commento ai titoli (specificando sempre che il testo degli articoli non l'ho letto, ché va bene avere tempo da perdere ma non esageriamo).

Allegrezza è un termine che non sentivo più o meno dal 1962. Comunque, mentre tutti ci dicono che l'avvenire sarà uno schifo, ecco che il Monitore afferma il contrario. Come dubitare delle sue parole...

La parabola è quella di una chiesa talmente sincronizzata con il mondo in cui vive da parlarmi della Pasqua a luglio. Non male.

Senza cercare di dare una risposta alla domanda... davvero vi aspettate che voglia sentire una lezione sulla coscienza da parte di un gruppo di spacciatori di oppio dei popoli? Davvero davvero?

Dite la verità, questo lo avete messo solo perché fa rima col precedente.

Immagino che il riferimento sia a questo giornale. Utile per voi che lo fate, dannoso per tutti gli altri. Anche qui, un'ottima parabola della religione tutta.
Saluti.
_

Nessun commento:

Posta un commento