mercoledì 26 giugno 2013

Under the dome - primo episodio

Aggiungi didascalia
Le produzioni tratte dai romanzi di Stephen King hanno un problema in comune: sembrano tutte girate negli anni Ottanta. E Under the Dome, per il momento, non fa molta differenza, con quella fotografia un po' così, solo tecnicamente migliore, tipica delle produzioni di un po' di tempo fa, e quella recitazione un po' così. In questo caso, però, almeno per quanto riguarda la parte visiva, non è un male: l'ambientazione semibucolica e il tipo di atmosfere, infatti, sembrano fatte apposta per quel tipo di luce.
Se avete letto il libro originale, o anche solo se avete visto il lungometraggio dei Simpson, sapete qual è l'idea di partenza. Niente di trascendentale, niente neanche di particolarmente originale, solo un trucco per isolare una piccola comunità dal resto del mondo e vedere cosa succede. Una storia di fantascienza sociologica, insomma. Dai risvolti horror, come già abbiamo intravisto in questa prima puntata.
Una storia che, per adesso, sembra sceneggiata benissimo (e del resto da Brian K. Vaughan non ci aspettavamo nulla di meno) e fila via come una schioppettata.
(Sì, lo so, anche i primi episodi di Lost filavano via come schioppettate e sembravano fantascienza sociologica, ma poiché Under the Dome è tratta da un'opera preesistente, e soprattutto è una serie che non andrà avanti all'infinito, di sicuro non andrà in vacca in quel modo orribile.)
Dopo un pilot che ha presentato personaggi e situazioni, penso che adesso ci si possa aspettare una bella accelerata a tavoletta. Vedremo verso quale direzione.

EDIT: 26 giugno 2013, 11:27
_

Nessun commento:

Posta un commento