mercoledì 7 novembre 2012

Lettering


Tra le poche cose che ho acquistato alla scorsa Lucca Comics c'è anche il Manuale di lettering scritto da Marco Ficarra e pubblicato da Tunué.
Ne parlo qui per tre motivi:

1. Perché Marco è un amico. No, non è vero che è uno dei motivi per cui ne parlo, ma meglio segnalarlo perché di malpensanti è pieno il mondo (almeno quello del fumetto).

2. Perché è un libro eccezionale. Confesso di averne letti con attenzione solo i primi due capitoli (dando un'occhiata veloce a tutto il resto), ma visto che quelli, da soli, valgono il prezzo del libro intero lo posso dire: è eccezionale.

 3. Perché sfogliandolo ho scoperto che tra le varie immagini con esempi di lettering ce ne sono alcune che ripercorrono la lavorazione del mio (e di Pierluigi Ongarato) Philip K. Dick. Ecco, è sempre motivo di orgoglio quando una tua opera viene presa e usata come modello per un libro di testo.

Le immagini di questo post (due delle varie dedicate a Philip K. Dick presenti nel testo) mostrano la composizione di uno dei balloon più particolari del fumetto. La spiegazione del metodo di lavoro e delle scelte effettuate, però, la trovate nel libro di Ficarra.

_

Nessun commento:

Posta un commento