lunedì 22 ottobre 2012

Il karma delle traduzioni

Se credete nel karma, questa storia inizia nel 2006. Se invece non ci credete (come me, del resto), quelle che vi sto per raccontare sono tre storie diverse. Ma fingiamo di accettare l'idea del karma, ché il racconto diventa più divertente.
2006, dicevamo. All'epoca lavoravo nel settore dei giochi di ruolo e facevo traduzioni ed editing per alcune delle linee italiane dei giochi della White Wolf.
Ecco, nel 2006 esce "New Orleans", supplemento per "Vampiri: Il Requiem", libro alla cui lavorazione non ho partecipato affatto. Il motivo per cui ve lo sto dicendo è che, in sede di impaginazione, finisce per essere applicato al libro un colophon sbagliato (preso da un altro volume), e che quindi il cortesemente vostro diventa, come per magia, il traduttore dell'opera al posto del buon Marco Crosa.
Nel volume successivo viene ovviamente pubblicata una errata corrige, poi qualche tempo dopo smetto di lavorare con i giochi di ruolo e la cosa, in un certo qual modo, finisce lì.

O forse no: circa tre anni fa mi capita di tradurre un libro che, per motivi immagino simili, invece che a me viene attribuito ad Andrea Antonazzo. Una cosa seccante ma, mi sono detto, pazienza. Era un volume parte di una serie lunga, che nemmeno mi ero divertito tanto a fare (e del quale quindi non rivelerò il titolo), e quindi la cosa non mi aveva dato troppi problemi.

Ma oggi è successo di nuovo. Da qualche mese lavoro alle traduzioni del mensile dei Fantastici Quattro, e per problemi organizzativi (materiali arrivati in ritardo, anticipo delle consegne...) per il n. 337, adesso in edicola, avevo avuto bisogno di aiuto, trovandolo nel bravo Fiorenzo delle Rupi, il quale (giusto per far quadrare il cerchio) all'epoca era collega mio e di Crosa sulle collane di giochi di ruolo e c'è anzi almeno un volume ("Maghi: il Risveglio") che traducemmo noi tre a sei mani.

Per questo numero 337, che vede la chiusura della "grande storia" portata avanti per anni da Jonathan Hickman, il lavoro era stato diviso in questo modo: io avrei chiuso le trame di Hickman, occupandomi delle testate "principali" (Fantastic Four e la gemella FF), mentre Fiorenzo avrebbe realizzato l'ultimo episodio di Alpha Flight e la puntata mensile di Namor.
Tutto bene, senonché... nell'albo - sempre per la solita svista di impaginazione - le traduzioni sono uscite tutte a nome suo. Cosa di cui mi importerebbe niente, se fosse stato un qualsiasi altro numero, ma proprio nell'ultimo capitolo dell'immenso ciclo narrativo hickmaniano doveva succedere?

Va be', pazienza, come ho già detto sono cose che capitano e tutto il resto. Però, caro karma, io adesso i conti li considero in pari, d'accordo?
_

Nessun commento:

Posta un commento