giovedì 13 agosto 2009

Parlamentari in carcere!

Alzi la mano chi di voi, leggendo la notizia che a Ferragosto 150 tra deputati, senatori e politici vari se ne sarebbero andati in prigione, non ha gridato: “Finalmente!”
La novità era troppo ghiotta, e infatti c’era il trucco. I 150 andranno in carcere, sì, ma solo in visita, per vedere come si sta nelle celle sovraffollate. Purtroppo, infatti, non potranno vedere con i propri occhi i risultati dell’indulto di qualche anno fa. Il provvedimento fu preso allo scopo di svuotare prigioni ormai diventate invivibili a causa dell’enorme quantità di carcerati, ma sfortunatamente tutti gli sforzi sono stati vani. Grazie alle successive leggi e leggine (promosse per lo più dal partitucolo più xenofobo e razzista presente sulla piazza), sono infatti finiti in cella una serie di irrecuperabili criminali come drogati, immigrati irregolari e chi più ne ha più ne metta, e al momento la situazione è assai peggiore rispetto a com’era prima dell’indulto. Peccato, proprio peccato che non potranno vedere i brillanti risultati di quell’indulto, davvero.
Ma la domanda è un’altra: le carceri stanno letteralmente per scoppiare, e c’è chi teme il peggio. Non è che la visita di questi figuri contribuirà ad accrescere il malcontento? Se invece che a Rebibbia venissero a casa mia, io di certo contento non sarei...

Nessun commento:

Posta un commento