venerdì 28 agosto 2009

Denunciaci tutti!


Un milione di euro. Ecco quanto richiesto da Silvio Berlusconi a la Repubblica come risarcimento alle dieci domande, da lui ritenute diffamatorie, che il quotidiano gli ha posto lo scorso 14 maggio.
Si tratta dell'ennesimo attacco del Presidente del Consiglio nei confronti de la Repubblica; attacco che Dario Franceschini ha commentato (in modo del tutto condivisibile) affermando: "Ci troviamo di fronte ad un'indegna strategia di intimidazione nei confronti di un singolo giornale, dell'opposizione e di chiunque difenda i principi di un Paese libero che non ha precedenti in nessuna democrazia e che è anche un segno di paura e di declino. Il presidente del Consiglio non denunci solo Repubblica, ci denunci tutti."
Bene, ci denunci tutti!
Riprendo l'appello di Beppe Giulietti, di Articolo 21, che invita "tutte le radio, i siti e i quotidiani a ripubblicare le 10 domande di Repubblica".
Eccole qui sotto:
  • 1. Quando, signor presidente, ha avuto modo di conoscere Noemi Letizia? Quante volte ha avuto modo d’incontrarla e dove? Ha frequentato e frequenta altre minorenni?
  • 2. Qual è la ragione che l’ha costretta a non dire la verità per due mesi fornendo quattro versioni diverse per la conoscenza di Noemi prima di fare due tardive ammissioni?
  • 3. Non trova grave, per la democrazia italiana e per la sua leadership, che lei abbia ricompensato con candidature e promesse di responsabilità politiche le ragazze che la chiamano «papi»?
  • 4. Lei si è intrattenuto con una prostituta la notte del 4 novembre 2008 e sono decine le “squillo” che, secondo le indagini della magistratura, sono state condotte nelle sue residenze. Sapeva che fossero prostitute? Se non lo sapeva, è in grado di assicurare che quegli incontri non l’abbiano resa vulnerabile, cioè ricattabile – come le registrazioni di Patrizia D’Addario e le foto di Barbara Montereale dimostrano?
  • 5. È capitato che “voli di Stato”, senza la sua presenza a bordo, abbiano condotto nelle sue residenze le ospiti delle sue festicciole?
  • 6. Può dirsi certo che le sue frequentazioni non abbiamo compromesso gli affari di Stato? Può rassicurare il Paese e i nostri alleati che nessuna donna, sua ospite, abbia oggi in mano armi di ricatto che ridimensionano la sua autonomia politica, interna e internazionale?
  • 7. Le sue condotte sono in contraddizione con le sue politiche: lei oggi potrebbe ancora partecipare al Family Day o firmare una legge che punisce il cliente di una prostituta?
  • 8. Lei ritiene di potersi ancora candidare alla presidenza della Repubblica? E, se lo esclude, ritiene che una persona che l’opinione comune considera inadatta al Quirinale, possa adempiere alla funzione di presidente del consiglio?
  • 9. Lei ha parlato di un «progetto eversivo» che la minaccia. Può garantire di non aver usato né di voler usare intelligence e polizie contro testimoni, magistrati, giornalisti?
  • 10. Alla luce di quanto è emerso in questi due mesi, quali sono, signor presidente, le sue condizioni di salute?
Ovviamente, estendo alla blogosfera tutta l'invito a prenderle e ripubblicarle.
Alle dieci domande mi sento però di aggiungere anche il contatore che si trova all'inizio di questo post e nella colonna di sinistra (se volete inserirlo nella vostra pagina, lo trovate qui).

Nessun commento:

Posta un commento